Campo nazionale: “L’Agenda 2030 e la Laudato Si’”


Scarica alcuni documenti del campo


di Raffaella D.
Il campo nazionale MASCI – anno 2019 – si è aperto venerdì 29 novembre presso l’ospitale struttura del Seminario maggiore, dalla cui posizione sulle alture genovesi si ha una meravigliosa panoramica sulla città e sul suo porto.
Lo staff di animazione affiatato, preparato e accogliente, formato da Carmelo Casano, Maria Luisa Cambiaso, Laura Mappelli, Mauro Caputo e Massimiliano Costa, ha organizzato le tre giornate in modo intenso ma coinvolgente.
La Comunità MASCI di Cornigliano ha prestato il suo servizio di grande qualità per i pranzi e le cene, sempre ottimi e abbondanti.
Tra i partecipanti, 34 di varia provenienza, forte la presenza delle Comunità siciliane con 9 adulti scout, 24 liguri provenienti da Genova, Finale, La Spezia, Tigullio, Albenga, Ventimiglia e 1 piemontese.
La concomitante presenza al Seminario degli 8 membri del Comitato Esecutivo ha permesso la condivisione con loro dei pasti, della Santa Messa e dei fuochi serali.
Il tema del campo di grande valore attuale, l’Agenda 2030, è stato centrato sulla Enciclica “Laudato sì” di Papa Francesco, con il primo intervento pomeridiano di Don Marino Poggi. La riflessione è partita da una domanda: “cosa vuol dire servire Dio?” e si è snodata, attraverso il principio del servizio come lode a Lui e alla Sua onnipotenza che si
manifesta nella gratuità, a considerare che la libertà dell’uomo è nel saper dire grazie e allo stesso tempo nello scegliere di servire non per bisogno proprio ma per gratitudine.
E allora, il Laudato sì, canto di grazie per i doni ricevuti, con Papa Francesco diventa anche un appello alla responsabilità di tutti per la cura della casa comune e l’attenzione alle creature che la abitano; è affermazione di un servizio al creato che non è solo frutto del bisogno. La mattina del sabato, suor Benedetta (del convento delle Clarisse itineranti di
Voltri) ci ha accompagnato lungo il cammino fino alla Chiesa del Righi proponendoci una meditazione sulla “Bellezza”: il bello della preghiera, il bello del servire, il bello della lode, il bello della responsabilità. L’attività si è conclusa con il rinnovo delle promesse battesimali e la presentazione sull’altare del proprio nome “risposta attuale e concreta nella storia alla chiamata alla vita e a essere re, sacerdoti e profeti dalla parte del Signore”.
Il pomeriggio ci ha visto impegnati a riflettere sui nuovi stili di vita che le sfide dell’Agenda 2030 ci propone; è stato quindi anche per noi al campo un modo per celebrare uno dei primi “Saturday for Future” d’Italia, iniziativa promossa da NeXt – Nuova economia per tutti e AsviS – Alleanza per lo sviluppo sostenibile.
Ottimi gli spunti dell’economista prof. Leonardo Becchetti nel video “L’economia della globalizzazione” e meritevoli di seguito e approfondimento le iniziative presentate dagli ospiti intervenuti: Massimiliano Costa, Caterina Acquarone e Isabella Cristina.
Si è parlato di “EyeOnBuy.org” un portale di valutazione e valorizzazione delle aziende virtuose che nasce come strumento di realizzazione del “voto col portafoglio” (definizione del prof. Becchetti) e di Gioosto.com una piattaforma digitale che offre un servizio di ecommerce solidale.
Domenica mattina la Santa Messa è stata celebrata dal Vescovo vicario Mons. Nicolò Anselmi del quale è sempre apprezzabile la genuina essenzialità e concretezza. Terminata la Messa, foto di rito e inizio dei lavori dell’ultima giornata di campo.
Che cosa possiamo fare concretamente nel nostro quotidiano ce lo siamo, quindi, detti durante l’attività “Fare strada nel cuore, nella città e nel creato oggi”. Oltre a spunti operativi e confronto con chi nel proprio territorio ha già affrontato esperienze “ecosostenibili”, tutti i tre gruppi (cuore, città e creato) hanno evidenziato la necessità di fare rete e “massa critica”.
I lavori giornalieri di venerdì e sabato si sono conclusi con due momenti di svago prima del riposo notturno, rispettivamente con la visione del film “2075: il clima che verrà” (2008) e
il fuoco allegro che ha coinvolto tutti in canti e danze.
Che cosa ci siamo portati a casa da questo campo? L’esperienza di condivisione, la conoscenza di altri adulti scout e un po’ più di consapevolezza su questi temi nel nostro ruolo di adulti, genitori e cittadini di oggi.
Alcuni link utili:
https://festivalsvilupposostenibile.it/2019 https://www.eyeonbuy.org
https://www.asvis.it https://www.gioosto.com
https://www.nexteconomia.org