Pietra Ligure: comunità del fare


A Pietra Ligure  la comunità MASCI può definirsi “geneticamente modificata”.

Nata alla fine degli anni 80 per circa 20 anni ha vissuto un’avventura bellissima che ha aiutato  quanti ne facevano parte a crescere e maturare. Purtroppo questo non ha impedito che nascessero incomprensioni e divergenze sulla “gestione” della comunità. Accuse reciproche e conseguente diaspora di cui ognuno dovrebbe portare il suo fardello di responsabilità.

Finita un’epoca, all’orizzonte si sono presentate altre opportunità. A quello che restava della comunità si sono unite persone, forse poco interessate allo scoutismo cosi’ come lo abbiamo presentato per anni: con riunioni canoniche, uscite quasi obbligate, approfondimenti forse poco interessanti ma necessari per dirsi appartenenti al Masci. Ma ora se non siamo scout nella forma lo siamo certo nella sostanza. Non tutti hanno il fazzolettone o hanno fatto la promessa ma certo la vivono nel giornaliero.

Oggi la nostra è una comunità soprattutto del fare. Siamo quasi tutti “pensionati” e attraverso gli incontri quasi quotidiani per la pausa caffè riusciamo in modo informale a definire gli impegni che si presentano quasi giornalmente. Ognuno di noi cerca di mettere a frutto i suoi talenti e attraverso le diversità e le varie inclinazioni riusciamo a integrarci ottenendo buoni risultati, anche economici.

 Non per questo trascuriamo altri aspetti per cui condividiamo la necessità di un incontro mensile per relazionarci su quanto si fa o si deve fare e per approfondire il Vangelo e facciamo del nostro meglio per essere presenti e portare la nostra collaborazione ai più importanti eventi parrocchiali senza trascurare gli incontri regionali del Masci.