Consiglio regionale del 8 maggio 2011

[mypdf file=”2011/05/cr20110508″ title=”Verbale del Consiglio Regionale”]

[mypdf file=”2011/05/convocazionecr20110508″ title=”Convocazione del Consiglio Regionale”]

[mypdf file=”2011/05/indicazionigenovacitta” title=”Come raggiungere il luogo dell’incontro”]

[mypdf file=”2011/05/codiceeticocomunicazionemasciliguria” title=”Codice etico della comunicazione regionale”]

[mypdf file=”2011/05/comoworldconference” title=”Conferenza Mondiale ISGF – AISG a Como”]

 

VERBALE DEL CONSIGLIO REGIONALE

8 maggio 2011

Tenutosi presso la comunità Genova Città

 

Alle ore 9,30 circa il Segretario Regionale dopo aver verificato la presenza di dodici comunità su sedici, dichiara valido il consiglio e dà inizio ai lavori. E’ presente il Segretario Regionale A. Bavassano, l’Assistente Regionale Don Franco Anfossi (13,30), il Vice Segretario Nazionale M. Rocca, il Consigliere Nazionale R. Ursino, il vice Segretario Regionale M. Caputo, il consigliere eletto R. Montaldo Bisso. Non sono rappresentate le comunità di Albenga, Imperia, Ge-Quinto e Ge-Sestri. Sono inoltre presenti per le Pattuglie Permanenti o responsabili di progetto G.L. Pedemonte, M. Bargagliotti, G. Vinciguerra, E. Casari e il tesoriere G. Lano, e gli AASS della Comunità Ge Città.

Dopo la recita di una preghiera proposta dalla Comunità ospitante, il Segretario Regionale come consuetudine evidenzia alcuni ‘focolai’ di speranza scaturiti nel periodo da tenere accesi e alimentare:  a- molto bene la giornata dello Spirito: folta presenza di AASS (circa 70), le riflessioni ben sviluppate, un caloroso grazie alle Comunità di Pegli e Sestri per l’organizzazione dell’evento; b- il giorno 9 aprile a Varazze incontro e festa con i ragazzi dell’AGESCI e i loro genitori, testimonianza della pattuglia Sviluppo Regionale confortata dalla presenza di alcune Comunità, la giornata è andata molto bene: il MASCI è stato presentato al cerchio finale e attraverso uno stand  ricco di foto e cartelloni; c- il nuovo sito sta andando bene, con entusiasmo aumentano gli scrittori di articoli e di proposte da condividere; d- per quanto riguarda ‘la rete interassociativa’ è sempre più costruttivo lo spirito che permea gli  incontri con le altre realtà associative cattoliche.

Pietra Ligure comunica che il giorno 13 maggio si terrà una cena benefica a Loano, per chi volesse partecipare vedere i dettagli sul sito.

Festa di Primavera Caputo riprende l’ultimo numero di ”Cosa bolle in pentola” dove è stata pubblicata la locandina per la Festa di Primavera del 22 maggio p.v. all’Abbazia di Borzone con tutte le notizie logistiche e l’annuncio del lancio del Polo d’Eccellenza. Laura Mapelli comunica che è disponibile un ampio parcheggio e che in caso di pioggia è possibile utilizzare un salone con posti a sedere, c’è inoltre possibilità di pernottare al sabato sera, ci sono 7 posti letto ed è possibile montare delle tende.

Polo di Eccellenza Regionale Bargagliotti illustra il Progetto per il biennio 2011/2012 che sarà lanciato il 22 maggio alle comunità MASCI della Liguria ‘In cammino per cercare nuovi orizzonti – Morale ed Etica personale e delle istituzioni’, con il metodo utilizzato già per il ‘Bene Comune’. I temi proposti sono quattro, le comunità ne sceglieranno uno entro il 3 luglio p.v. ed eventualmente potranno consociarsi con altre comunità che abbiano scelto lo stesso tema. Ci sarà un primo incontro comune il 22 ottobre, le Comunità cominceranno a lavorare e a primavera 2012 ci saranno due incontri, uno a levante e uno a ponente, gestiti dalle comunità in base ai temi scelti. Il 9/10 giugno 2012 incontro pubblico offerto alla città e le comunità presenteranno il lavoro svolto.

 

MASCI-AGESCI Casari nei giorni 21 e 22 maggio a Vara l’AGESCI Regionale Branca R/S  terrà un bivacco avente per tema “Tanti capitoli un’unica storia”, è stato chiesto al Masci di organizzare e presentare due stand su ‘il bene comune’ e ‘l’acqua’. A partire da sabato 28 maggio, sempre a Vara, si terranno le ‘fucine per capi AGESCI’ di Pioneristica, Botanica, Topografia (includono serata di Astronomia), nelle quali metteremo a disposizione le nostre competenze sugli argomenti succitati. E’ stata richiesta anche una collaborazione per i campetti di competenza dal 22 al 26 giugno, che sarà valutata dalla Pattuglia Regionale. Bavassano sottolinea che le collaborazioni per gli eventi regionali sono ovviamente ben accette, comprese  quelle richieste dai capi zona, però devono essere pianificate per tempo e non devono condizionare le attività MASCI già programmate.

Guerrizio propone che la loro esperienza in attività di servizio nella società potrebbe costituire una ‘competenza’ aggiuntiva da inserire nell’albo delle competenze. Inizieranno a proporlo all’AGESCI di La Spezia con testimonianze su come fa servizio il MASCI, vorrebbero invitarli a partecipare a un campo esperienziale sul servizio.

 

Codice Etico della Comunicazione Bavassano distribuisce la bozza del “Codice etico della comunicazione MASCI Liguria” propone di leggerlo e fare eventuali osservazioni e o proposte di modifica, durante la lettura vengono chiariti alcuni punti su richiesta dei presenti, alla fine si procede a votazione ed il codice è approvato all’unanimità, pertanto da oggi chi volesse pubblicare articoli o altro sul sito avrà la possibilità di fare riferimento a quanto previsto dal suddetto Codice approvato (in allegato). Per quanto concerne i prossimi referendum Bavassano sottolinea che deve essere garantita a tutti l’informazione per consentire di utilizzare al meglio questo istituto di partecipazione civile, e invita le Comunità e gli AASS ad approfondire l’argomento.

 

COMO Conferenza Mondiale Distribuzione di materiale informativo sulla 26^ Conferenza Mondiale che si terrà a Como, sul sito nazionale www.masci.it si trovano tutte le notizie utili per partecipare. Sarà un incontro all’insegna dell’amicizia, del gioco e di contenuti fortemente voluti dal MASCI.

 

Verifica Bottega Artigiana Predonzani ha partecipato alla ‘II bottega nazionale dello sviluppo’, l’impressione è positiva per gli incontri con altre realtà, alcune comunità sono ancora molto legate all’AGESCI, è molto importante usare un linguaggio comune ed essere  preparati e non improvvisare, i principi devono essere comuni e uguali a tutto il MASCI, è stato richiesto a tale scopo che siano forniti alle pattuglie supporti tipo manualetti dvd ecc..

 

Verifica Campo Nazionale Formatori partecipanti Pedemonte, Casari e Lano.

Pedemonte, alcuni momenti sono sembrati più di approfondimento e di verifica interna al Comitato Esecutivo Nazionale,  i campi della scoperta sono da rivedere, i campi sulla responsabilità dovrebbero essere aumentati, segnala la sua disponibilità per la staff di un campo ad agosto p.v..

Casari si dice d’accordo con Pepi, il team era molto affiatato in alcuni momenti ci sono stati degli scollamenti, la prima serata si aveva l’impressione di partecipare a una riunione del CEN, segnala la sua  disponibilità per un campo sulla comunicazione.

Lano, impressioni simili a quelle di Ezio e Pepi, riteneva di ricevere più cose pratiche piuttosto che teoriche su quello che dovrebbero fare i formatori, segnala la sua la disponibilità per i campi delle rotte.

Rocca riferisce che per lo sviluppo a livello nazionale si è pensato a percorsi con i regionali incaricati dello sviluppo, per i prossimi incontri dobbiamo insistere con persone che non cambiano continuamente quindi con pattuglie che lavorino con continuità, sono emerse due tendenze per il futuro, una prevede incontri nazionali delle pattuglie regionali per dare strumenti da discutere, l’altra verterà su incontri più regionalizzati o per macro aree, ”dalla periferia al centro” (motore del movimento comunità e regioni) la rivoluzione copernicana.

 

Ursino distribuisce su quest’ultimo argomento una riflessione del Presidente Della Rocca e né dà lettura commentandola.

 

Bavassano comunica che dopo verifica con la banca si è cambiato il tipo di conto corrente diminuendo le spese di tenuta conto (sull’intestazione della prima pagina del verbale è stato inserito il nuovo IBAN).

 

Ore 13 sospensione per pausa pranzo con un primo offerto dalla comunità Città, i lavori riprendono alle ore 14,30.

 

Vie Francigene Cavallo fa’ il punto sulla situazione dell’aggiornamento del materiale predisposto per il nazionale, non tutte le comunità hanno terminato l’esame, pertanto è rimandato il tutto al prossimo CR, avendo ricevuto nuovo materiale sugli ostelli lo farà avere alle comunità coinvolte.

 

Rete Inter-associativa Caputo riferisce che la rete interassociativa sta funzionando, il Masci Liguria ha iniziato a confrontarsi da tempo con le altre aggregazioni laicali (vedi  il ‘bene comune’), abbiamo investito risorse e i risultati si vedono: presenza nell’aggregazione delle associazioni laicali diocesane per far girare informazioni, vengono segnalati una serie d’incontri che si terranno nei prossimi mesi, ove possibile saranno pubblicate su “cosa bolle in pentola”. Ci presenta la prossima iniziativa regionale sabato 11 giugno ore 9.30 allo Star Hotel con Edo Patriarca sulle Settimane Sociali della Chiesa Italiana.

Centro Studi Mario Mazza Costa Massimiliano, neo Presidente del Centro Studi e Documentazione Scout Mario Mazza, presenta il nuovo direttivo eletto nelle ultime votazioni e ci illustra la nuova linea che vuol darsi il centro:

“L’analisi della situazione del Centro Studi è stata fatta grazie ai membri del Consiglio già presenti nello scorso triennio e alle informazioni ricevute dai volontari. Crediamo che negli ultimi tempi si siano fatti passi efficaci per mantenere vivo il Centro Studi, per evitare possibili orientamenti indirizzati alla sua chiusure e per rilanciarlo. Certamente le Associazioni di riferimento hanno disposto con più chiarezza le loro attese nei confronti del Centro Mario Mazza e l’ambiente scout genovese e ligure, sollecitato a rispondere con più coinvolgimento, si è reso più disponibile rispetto al  passato, sia per la gestione sia per il servizio al Centro. Oggi, il Consiglio appena insediato, fortemente rinnovato, ha provato a immaginare la strada da compiere nei prossimi anni, per rispondere in pieno al mandato dell’assemblea e alle scelte delle Associazioni di riferimento. Analizzando la vita del Centro, la sua organizzazione e le sue dinamiche relazionali, abbiamo definito sostanzialmente due AMBITI di azione, quell’Interno e quello Esterno, chiaramente in relazione tra loro, e inoltre abbiamo evidenziato quali settori o parti ne determinano la composizione e la piena efficacia sul ruolo del Centro Studi “.

Per gli interessati è disponibile il documento integrale redatto dal nuovo direttivo, rivolgersi a Giancarlo Lano.

 

Per “Cosa bolle in pentola” il bollettino delle occasioni d’incontro/proposte dalle comunità, comunicare a Bisso Renata e Caputo Mauro per poterle inserirle in tempo utile per renderle note a tutti, anche questo strumento serve per fare comunicazione.

 

Alle 16,00 il consiglio si chiude con la partecipazione alla S Messa celebrata dall’assistente regionale don Francesco Anfossi.